AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

4.17

Lunedì

22/04/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Notiziario/Aiello Calabro/Plauso AdP per manifestazione legge Lazzati

Politica e Legalità. Plauso di AdP per la manifestazione curata da Eureka sulla legge Lazzati

Dal Direttivo e Gruppo Consiliare di "Alleanza di Progresso per Aiello" riceviamo e pubblichiamo

AIELLO CALABRO - Apprezziamo la manifestazione culturale tenutosi giorno 19 agosto in P.zza Plebiscito, promossa dall'Organizzazione di Volontariato EUREKA, alla presenza degli On.li Roberto Occhiuto, Doris Lo Moro, e del giudice, Romano De Grazia. Un'iniziativa di alto valore culturale e di elevato senso civico nel corso della quale è stato presentato il ddl Lazzati, che vieta ai sorvegliati speciali, non solo di candidarsi ma anche di fare propaganda elettorale. Un ddl importante nella lotta alla mafia, che il nostro gruppo è pronto a sottoscrivere e sostenere. La legge Lazzati a nostro avviso può rappresentare uno strumento di riscatto concreto per la nostra Regione da sempre vessata dalla malavita organizzata, che ne impedisce lo sviluppo. A questo proposito ci complimentiamo con il direttivo del sodalizio culturale per la sensibilità mostrata verso queste tematiche di indiscusso valore etico e morale. A loro va il nostro apprezzamento per aver fatto conoscere agli aiellesi questo importante provvedimento ed aver lanciato da p.zza Plebiscito un messaggio di legalità e di avversione alle mafie, che noi condividiamo in pieno. Siamo dispiaciuti del fatto che il Sindaco e l'amministrazione comunale in toto non abbiano preso parte all'iniziativa, malgrado siano stati invitati. La presenza istituzionale sarebbe stata importante al fine di amplificare il messaggio di legalità che egregiamente è stato veicolato in quella occasione. Il nostro gruppo è deluso del fatto che la giunta aiellese snobbi le iniziative che riguardano problematiche di interesse generale come la lotta alla criminalità organizzata di cui il ddl Lazzati è manifestazione, mentre promuove eventi che vedono come protagonisti ex terroristi, come quello dello scorso anno con Barbara Balzerani, che è stato fatto passare come "evento culturale unico in Calabria". Siamo anche noi convinti che lo sviluppo della nostra Regione debba necessariamente passare attraverso la legalità, e la legge Lazzati, è il primo passo verso questo processo. Evidentemente le istituzioni locali assenti al dibattito non hanno la consapevolezza dell'importanza che questo provvedimento riveste per la nostra Regione, e degli anni di lotta (17), che sono stati necessari perché venisse votata alla Camera de Deputati.

29/08/2010
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

32 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

32 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

Bene.E' proprio il dibattito e la polemica(seria però) che danno forza alla Democrazia.Il fatto che su un argomento serio si stia discutendo è buon segno.Sarebbe stato certo argomento di discussione anche l'altro dibattito (Mafia Export) ma per ragioni non ben precisate si è pensato bene di "aggiornarlo" a data da destinarsi.Si ha l'impressione che quel dibattito sia stato invece cancellato proprio per "non discutere".Questa è la differenza tra una forza politica(ADP) e l'altra.Il problema vero è che il nostro Paese ad eccezione,forse, dell'Assessosre Pucci che in varie occasioni si fà vedere gli altri Assessori sono assenti e consensienti.Per cui per gli Aiellesi devoti basta solo il Sindaco.


indignato

io non capisco una cosa: Come si faccia a togliere dal programma estivo aiellese una manifestazione, come la lazzati, che parla di mafia e di come combatterla. Questa amministrazione non può DISENCENTIVARE, argomente del genere, perchè il messaggio di avversione alle mafie deve essere chiaro, forte e determinato. Ed i primi a lottare dovrebbero essere proprio i nostri amministratori impegnati invece nel torneo di briscola


quando si organizzano manifestazione contro la mafia le istituzione locali (specie se invitate) dovrebbero essere in prima linea specie in una terra di calabria, dove la legalità a volte è un miraggio. Generalmente dovrebbero essere i nostri amministrazione ad educare i giovani alla legalità e contro la mafia , AD AIELLO è successo il CONTRARIO. Da una parte questo fa ben sperare nelle nuove generazioni calabresi (che sono consapevoli dei problemi della nostra terra) dall'altra EVIDENZIA I LIMITI delle nostre amministrazioni che rispecchiano A PIENO L'ARRETRAMENTO SOCIO CULTURALE DELLA NOSTRA REGIONE.


sicuramente è bene il confronto con eremita che fa delle critiche propositive, mentre non capisco quelle di eros che sono impregnate di odio ed intolleranza. Il discroso a parer mio è un altro: NON bisogna dimenticare che ad aiello viviamo in EMERGENZA DEMOCRATICA, è tutto è più difficile anche ottenere una semplice risposta ad un'interrogazione da parte di questa PREPOTENTE amministrazione accentrata sul potere contingente. Basti pensare a quello che è successo ad eureka, a quello che è successo al leader di adp dopo la vittoria alla provincia dell'amministrazione iacucci, a quello che siuccede quotidinamente ai normali cittadini un pò critici riguardo all'operato del comune. Bisogna prima rendere il paese normale per avere un'amministrazione e di conseguenza un'opposizione normale, che si deve battere perfino per l'ottenimento di una piazza.. DATO CHE I DIRITTI FONDAMENTALI DELLE PERSONE passano come grazie concesse.


@ "willer 20/09/2010 20.36" - Purtroppo io non riesco affatto a vedere l'alternativa che viene descritta qui. A me sembra che Adp non sia invece capace di fare un opposizione seria, continua e soprattutto programmatica. Inoltre fino ad oggi non c'è stata politica, ma solo azioni confuse e non organiche su alcuni punti.


Seguo sempre con passione ciò che succede nel mio Paese e quindi,quando si discute democraticamente di un fatto o di fatti è sempre positivo a prescindere da quale parte politica stare.Alla base di tutto,però,ci deve essere obiettività.I vari commenti che mi precedono sono senza dubbio alcuni di parte.Altri a mio avviso sono più equilibrati.Un fatto è però assolutamente incontestabile e cioè che ad Aiello questa volta per merito di ADP( in parte rinnovata)c'è senza dubbio una OPPOSIZIONE seria(sicuramente dovrà fare di più e può fare di più) ma da quando la seguo (circa un anno) ha prodotto documenti seri e principalmente analizzato fatti veri.Personalmente sono convinto che questa squadra ha dei valori concreti per cui chi ha interesse a portare avanti un vero programma democratico nell'interesse esclusivo di Aiello non può che essere vicino ad Alleanza di Progresso.Certo,è possibile anche stare dall'altra(siamo in democrazia) e tenersi,però, ciò che quotidianamente vediamo: il nulla.!!!


Vedere sul sito e poi leggere(a prescindere dall'appartenenza politica) tante considerazioni è sicuramente un buon punto.Certo,ognuno(specie quelli di parte)portano acqua al proprio mulino ma non si può certo affermare che ADP non faccia politica.Certo,sono in linea con alcuni,si potrebbe fare di più ma bisogna anche ricordare che ADP è una forza politica dove sono presenti vari schieramenti e per di più liberi e quindi le difficoltà non mancano.Basta comunque ricordare,per chi segue come il sottoscritto un pò di politica Aiellese,le tante iniziative fatte da un anno a questa parte da ADP sia con documenti che con dibattiti(aperti a tutti) dove molti di quelli che scrivono forse non sono mai venuti.Un ultimo esempio e poi chiudo:"dopo l'ultimo dibattito sull'mbiente(presente solo il Sindaco)guarda caso la Guardia di Finanza ha messo i sigilli su una discarica abusiva e,a molti cittadini è stato fatto credere che la colpa era di ADP.No cari amici,la colpa è solo di questa Amministrazione che non ha avuto(fin'ora)neanche l'accortezza ed il dovere di avvisare i Cittadini che "amministra" che la discarica è stata chiusa.E poi,si può sapere quando verrà effettuato il dibattito-Mafia Export? Come vedete chi si nasconde al confronto non è certo ADP ma qualche altro.E' chiaro il concetto?Se non si vuole vedere ciò che è chiaro......


@ "Aiellese 14/09/2010 1.01" - foese non sai che chi governo fa il programma estivo in base alle peculiarità e caratteristiche di aiello. Non è che possono mettere di tutto nel programma. Poe è lìamministrazione a decidere come deve svolgersi l'estate aiellese (anche per questo è stata eletta). Poi tutta questa polemica perchè non si sono presentati ad una manifestazione (così importante che non era nemmeno nel programma), forse non sapete che chi governa non ha tempo da perdere e npon può state seduto ore a non far niente, ha il dovere di governare sia il sindaco che la giunta. poi cosìè importante per il paese pensa che lo sappia il sindaco meglio di tutti


la cancellazione di eureka dal programma estivo, EVIDENZIA come questa amministrazione voglia controllare ANCHE LE ASSOCIAZIONI. Non vanno a genio associazioni libere ed indipendenti. Il monopolio culturale di questo governo demandato ai due assessori, impiegati nell'organizzare briscolate e gite all'acqua parq, indica pure che tipo di cultura vogliano promuovere, boicottando il resto. Anche questa è una forma di bavaglio, io non credo che in Europa esista un paese dove una istituzione (anche se invitata) non si presenti ad una manifestazione culturale . Questo è un tipo di atteggiamento Assolutista e DENIGRATORIO, che evidenzia pure il sistema verticistico di questa amministrazione, dove chi effettivamente comanda è un unica persona, che decide (proibendo o acconsentendo) perfino di presiedere o meno asd un appuntamento come quello della lazzati. Io da questo tipo di atteggiamenti tenuti dagli amministratori leggo un messaggio chiaro... MEGLIO SE LA MANIFESTAZIONE NON SI FACEVA.. perchè ha creato un certo fastidio ed indisponenza nella nostra giunta che si è comportanta come se LA SUDDETTA ASSOCIAZIONE NON ESISTESSE E NON FACESSE PARTE DI aiello. Grave e dir poco!!!


@ "Aiellese 14/09/2010 1.01" - caro iaellese magari fosse fantapolitica. Purtroppo è la dura realtà, abbiamo perso come popolo aiellese il senso della democrazia, troppo abituati ad essere governati da un unica persona per diversi anni. I nostri giovani al di sotto dei trenta anni non hanno visto altri che iacucci al govrno della cittadina. Ormai siamo diventati un popolo apatico che sottostà agli umori del proprio sindaco che decide perfino QUALI ASSOCIAZIONI DEBBANO PARTECIPARE ALL'ESTATE AIELLESE. In un paese democratico e civile questi atteggiamenti accentratori AVREBBERO DATO LUOGO A MANIFESTAZIONI DI PIAZZA, caro aiellese, perchè quello che sta accadendo in questo paese, E CHE QUASI QUASI STA PASSANDO COME NORMALE, è gravissimo, nemmeno Gheddafi avrebbe fatto peggio. Purtroppo i fedelissimi di iacucci vivono di ASSOLUTISMI e gli assolutismi non sono compatibili con la democrazia.


@ "eros 13/09/2010 19.48" - Tralasciando la fantapolitica di paco, poco ci interessa delle stragie del iacucci se non siamo in grado di mettere in campo una proposta chiara e concreta di controgoverno. Rispondo a eros che forse credendo di vivere in afghanistan ritiene che il sindaco possa vietare la manifestazione di chicchessia!!! Sono proprio queste paradossali convinzioni che rendono la nostra terra così arretrata. Io propongo dei corsi di Educazione Civica a tutti gli aiellesi. Chi diventa sindaco non è il padrone della cittadina ma solo il primo cittadino.


Inoltre avendo paura che qualcuno della sua maggioranza possa diventare interlocutore e punto di riferimento preferenziale della minoranza (adp), fa si che ogni cosa, ogni rapportO deve essere tenuto da lui, escludendo altri da intermediari, costituendosi così unico punto di riferimento e centro politico di questa maggioranza, svuotaqndo tuti gli altri dalla loro funzione e rilegandoli a funzioni marginali. In questo modo evitando il dialogo tiene saldamente in pugno la sua maggioranza, dividendo il paese ed estremizzando il confronto. Dividi et impera. Intanto le persone che valgono nella sua maggioranza (perchè c'è ne sono) perdono di credibilità e risultano essere agli occhi dei più deboli e porta voci di iacucci perdendo voti e facendoli acquisire in maniera verticistica ad un'unica persona, EVITANDO ANCHE CHE SI POSSANO CREARE MAGGIORANZA DIVERSE DA QUELLE CHE LUI STESSO PUOì CONTROLLARE


hai colto nel segno. LA DEFINIZIONE DI DEMOCRAZIA E' ALTERNANZA. Per questo motivo esiste una legge elettorale che prevede che un sindaco dopo due legislature non possa più candidarsi come tale. Tale legge è stata disegnata propio per facilitare l'alternanza ed EVITARE situazione PARADOSSALI come quelle di Aiello, dove abbiamo un sindaco che dopo 30 anni è li ancora seduto. Questo perchè non contenti della legge si è cercati di trovare l'inganno per non perdere la poltrona e quale soluzione migliore se non invertire i ruoli con Zaccagnini sindaco e Iacucci vice. Ma cambiando l'ordine degli addenti il prodotto non cambia. Questo spiega il fatto che ad aiello non ESISTA effettivamente una maggioranza impregnata su un idea ed un'azione politica concreta, MA esistono solo equilibri numerici che servono esclusivamente a far vincere e a comandare iacucci da 30 anni. Non c'è nessuno nella maggioranza che agisca autonomamente o si batta per qualche valore che ritiene giusto se non è condiviso dal Sindaco. Ma sono tutti li ad aspettare. Questo è anche il motivo per cui non esiste al di fuori di iacucci un altro leader nella maggioranza. Lui cerca di non far crescere nessuno politicamente, altrimenti potrebbe competere per la leadership e diventare nuovo punto di riferimento dei leoni, per questo si circonda di persone facilmente appianabili sulle sue posizioni e sul suo modo di fare. Questo spiega anche come l'unico a crescere elettoralmente nella maggioranza è propio il sindaco MANGIANDO VOTI ai suo compagni di partito. Esempi sono zaccagni che è sceso vertiginosamente a una 70ina di voti, come anche zagordo e marinaro che hanno perso nell'ultima tornato doversi voti, mentre lui aumentandoli acquista sicuramente più potere anche nei confronnti di oliverio.


@ "Aiellese 13/09/2010 19.35" - Cara aiellese abbiamo un sindaco che cerca di boicottare un'associazione di ragazzi che vogliono parlare di mafia e figurati se si rende così disponibile da rendere la documentazione in esame più volte richiesta. Comunque io sapevo che alle interrogazioni sulle spese legali tenute dall'amministrazione non HA mai RISPOSTO ed anche in questo caso HA FATTO OPERA DI BOICOTTAGGIO. Comunque voglio associarmi al tuo appello ed esortare anche io ADP affinchè faccia finalmente chiarezza su tutte le spese legali sostenuto da questa amministrazione ( a cominciare da quei famosi 90 mila euro chiesti dal nostro comune come rimborso per una causa, di cui poi non si è saputo più nulla.


io penso invece che il sindaco e l'amministrazione ha diritto di andare e non andare dove vuole. Io dico invece che adp deve ammorbidirsi un pò e allentare la presa. Eureka dovrebbe ringraziare invece il sindaco che gli ha dato la piazza, vorrei vedere altrimenti se la manifestazione la faceva!!! che poi alla fine non è che sia stata interessante come lo poteva essere la presentazione del libro mafia export


Finalmente è tornata la parola agli utenti di sto sito! Evviva! E' da un po che volevo dirle due o tre cose. Innanzitutto ero stato alla manifestazione di AdP sul dissesto idrogeologico e devo dire che mi sembrava alla fine che il solito inciucio democristiano si stesse riflettendo sulla situazione aiellese. Ci rido proprio perché è un'impressione che ho avuto varie volte. Adp infatti non sembra fare un'oppozione agguerrita come grida in piazza, altrimenti dovrebbe pressare molto di più su rimborsi e spese che l'amministrazione spreca. O su cause perse a tutto vantaggio dei soli avvocati della pubblica amministrazione. Per non parlare delle bollette del servizio acque potabili, per le quali si dice che non siano proprio per tutti i cittadini... Solo voci, qui le dico e qui le smentisco... HAHAHHAH Ma voci che Adp non sembra ascoltare!


@ "cactus 13/09/2010 18.37" - cos può cambiare se il modo di fare e l'amministrazione è sempre la stessa da 3 decenni. La casta è un insieme ristretto di individui che protegge un interesse, un privilegio, un potere. Voi siete al governo da 30 anni, ed in questi 30 anni non siete riusciti (come formazione politica di maggioranza) a designare una persona come sindaco diversa da iacucci.I motivi sono due o in 30 anni nessuno di voi ha le capacità di iacucci, o siete tutti iacucci dipendenti. Perchè vedete l'alternanaza non sta soltanto tra maggioranza ed opposizione, ma anche all'interno di una stessa coalizione politica di governo. Ad aiello manca anche questo tipo di alternanza, caro cactus mi pare strano che non te ne sia mai reso conto.


comunque condivido pienamente con la frase che hai scritto: "questo è lo specchio di quanta reticenza,pregiudizio ci sia;di quando si pensi al proprio di bene piuttosto che a quello del paese.." Ti dovrebbe FARE RIFLETTERE, perchè se pensi REALMENTE questo non potresti MAI STARE DALL'ALTRA PARTE. Ma si sa a volte il potere attira più di tutto e si cerca MALDESTRE GIUSTIFICAZIONE AD AZIONI MOLTO DISCUTIBILI


@ "cactus 13/09/2010 18.37" - caro cactus di quale dialogo parli se i tuoi amministratori che dovrebbero ESSERE I NOSTRI, sebbene invitati ad una manifestazione contro la mafia, l'hanno completamente disertata dal primo all'ultimo. Parli di dialoco e con atti stalinisti epurate un'associazione dal programma estivo. Comunque fai una confusione di ruoli, LA GIUNTA ED IL SINDACO NON POSSONO ASSOLUTAMENTE essere di parte e MANCARE QUANTO SI VIENE INVITATI, non come uniti per aiello, ma coMe le istituzione che rappresentano. Perchè il Sindaco è sindaco a prescindere DALLA PERSONA CHE PORTA LA FASCIA, ma in questi trentanni sei stato così abituato a vederla adosso sempre alla stessa persona che giustamenti non riesci a discernere dove inizia L'ISTITUZIONE E DOVE FINISCE LA PERSONA.


vorrei ricordare PER PORTARE UN PICCOLO esempio la serata di patricello...DISERTATA DA TUTTA ADP...e di persone ascoltate con le mie orecchie che nelle serate estive non hanno voluto partecipare perchè(testuali parole) "nui un'appartenimu a ste cose,un'è robba nostra" questo è lo specchio di quanta reticenza,pregiudizio ci sia;di quando si pensi al proprio di bene piuttosto che a quello del paese...cmq scrivendo su questo sito sapevo benissimo di non trovare persone inclini al dialogo onesto e costruttivo lasciando cadere ogni preconcetto,da tempo dovevo scrivere su questa pagina aimè non è cambiato nulla...ve salutu.....

1 2
In questa sezione

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google