AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

19.13

Giovedì

21/11/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Notiziario/Tirreno/Carotaggi a Valle Oliva

Carotaggi a Valle Oliva. Tra una settimana l'inizio dei lavori

di Gianfranco Posa - Fonte Blog Comitato De Grazia Amantea

Fiume OlivaAMANTEA - Ormai manca poco meno di una settimana all'inizio dei lavori di carotaggio nel fiume Oliva. La data prevista dalla procura di Paola è il 19 aprile.
Vari problemi tecnici hanno ritardato l'inizio dei lavori previsti per gli inizi di febbraio. Il maltempo ha condizionato il lavoro dei tecnici e problemi burocratici hanno fatto slittare ulteriormente i tempi di azione, come il ritardo nella consegna dei risultati di alcune indagini preliminari.

Non tutto il male però viene per nuocere, infatti lo slittamento dei tempi ha permesso agli inquirenti di approfondire i lavori preventivi di indagine riuscendo ad individuare almeno altre due siti sospetti sui cui verranno effettuati i carotaggi.

Ma cosa è stato fatto da ottobre fino ad oggi?
Nei primi giorni di novembre è iniziato il piano di caratterizzazione eseguito dal Ministero dell'Ambiente attraverso l'ISPRA. Il Piano di Caratterizzazione rappresenta l'insieme delle attività di indagine utili a definire lo stato reale della contaminazione. La procedura si attiva quando i valori di concentrazione di alcune sostanze superano i valori limite, definita "soglia di contaminazione". Si è proceduto alla ricostruzione storica delle attività produttive svolte sul sito addivenendo alla definizione ambientale del suolo, del sottosuolo e delle acque. A queste attività hanno partecipato a vario titolo l'Arpacal, l'Arpa Piemonte, l'Arpa Lombardia e varie università.

Sono state effettuate delle indagini radiometriche superficiali sul suolo e indagini geofisiche per capire quali sostanze si nascondessero nel terreno esaminato e quindi decidere quali erano i punti precisi dove andare ad effettuare i carotaggi, ovvero l'asportazione di campioni di terreno.
Contestualmente il Corpo Forestale dello Stato, che collabora nelle indagini, ha controllato a tappeto tutto il bacino idrografico del torrente Oliva con un magnetometro per verificare l'eventuale presenza di materiale ferroso nel sottosuolo, alla ricerca di eventuali fusti metallici. E' stato utilizzato un elicottero della forestale per rilievi termici, ovvero per controllare la temperatura del suolo per verificare se ci fossero delle anomalie come quelle riscontrate nella cava "radioattiva". Sono stati effettuati anche dei rilievi sul tracciato stradale che costeggia i quattro siti contaminati già individuati (briglia del fiume, località Foresta, località Carbonara, cava dismessa) in modo particolare nei pressi della galleria che permette di raggiungere dal litorale tirrenico, il comune di Aiello Calabro.

Tutte queste indagini sono necessarie per programmare le attività di carotaggio che sarà condotto da una ditta di Matera che ha vinto l'appalto indetto dal Ministero dell'ambiente.

Questa ditta si occuperà esclusivamente dei lavori di carotaggio (prelievo di terreno) e degli eventuali scavi che si renderanno necessari, ma non farà nessun tipo di analisi. I campioni di terreno prelevati durante il carotaggio saranno affidati a tre laboratori che effettueranno, in modo autonomo l'uno dall'altro, sia analisi radiometriche, che chimiche. Sugli stessi campioni di terreno anche altri istituti di ricerca universitari faranno delle analisi radiometriche. Tutti i risultati saranno inviati alle Istituzioni che lavorano sul caso: Procura di Paola, Ministero dell'Ambiente e Regione Calabria.

Anche sulla briglia (nella foto) alla cui base risulta presente un sarcofago di cemento armato pieno di mercurio ed altri metalli pesanti, non si è potuto operare fino ad oggi per l'eccessiva portata di acqua del fiume.

Ed anche se attualmente il torrente è pressoché in secca, il corso dell'acqua sarà comunque deviato per permettere ai tecnici di lavorare in tranquillità.
Fino ad oggi il meglio della tecnologia e delle professionalità pare siano state impiegate, ma fra qualche giorno la parola passerà ai tecnici di laboratorio che ci diranno, si spera in modo chiaro, univoco e veritiero, cosa si "nasconde" nel fiume Oliva.

15/04/2010
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

5 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

5 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

purtroppo ci sono persone troppo concentrate nell'apparire e a mostrarsi in un certo modo che perdono il contatto con la realtà creando artifizi e forzature per rafforzare la propria immagine. Io penso che le energie di un amministratore dovrebbero essere spese a governare e migliorare il nostro paese e non perdere tempo a RILASCIARE INTERVISTE INUTILI, dato che noi aiellesi siamo pieni di problemi che vanno dal LAVORO (tema caro all'assessore) alla salute ed all'ambente, su questo dovrebbe concentrare il proprio tempo l'assessore e non distrarsi su altro, PERCHE' E' STATO VOTATA PER GLI ALTRI E NON PER SE STESSO.


concordo pienamente che l'assessore pucci è l'assessore dell'apparire tutta forma e niente sostanza. Voglio ricordare che persone che si sono spese TANTISSIMO per i rifiuti radioattivi sono stati BRUNI PINO,e DANILO AMENDOLA (ricordo anche la manifestazione di eureka). Queste persone (soprattutto il comitato civico terre a perdere) hanno vissuto nel completo anonimato CONCENTRANDOSI solo e soltanto sulla VICENDA cercando di sensibilizzare le istituzione ed i cittadini. Un lavoro o meglio una missione NON PAGATA DA NESSUNO se no da un senso civico maturo e coerente. Questa è Gente che non VUOLE APPARIRE non vuole mostrarsi a tutti i COSTI, per poi scomparire quando cìè da combattere o prendersi delle RESPONSABILIOTà. Purtroppo cara assessore A LEI PIACCIONO MOLTO I RIFLETTORI, MA fare TEATRO non è proprio di un amministratore che invece deovrebbe risolvere i problemi dei cittadini e del paese!!!!


io comunque sono riuscita a leggerla su mezzoeuro e non sono assolutamente d'accordo su quello che pensa sulla vicenda valle oliva che VA A SMINUIRE IL DURO LAVORO CHE fino ad oggi, tra mille difficoltà, è stato condotto dai comitati civici, senza poi parlare del resto.....!!!! SI cerca di scimmiottare in maniera del tutto amatorialistica l'unica persona che veramente poteva fare qualcosa per l'ambiente e LA CULTURA in questo paese..... dimostrata sul campo


Salve a tutti... ho saputo che il nostro assessore alla cultura ha rilasciato su mezzoeuro un'intervista di un'intera pagine... è possibile dato che si tratti del nostro assessore diffonderla sui nostri siti e blog in modo tale che tutti noi cittadini aiellesi veniamo a conoscenza di quello che pensa e di quello che fa iul nosro assessore Pucci. Ma forse preferisce farsi leggere DA NON AIELLESI in modo tale da poter dire tutto ed il contrario di tutto ANCHE CHE GLI ASINO VOLANO... Assessori informate prima i cittadini aiellesi e poi gli altri ...CERCATE DI APPARIRE DI MENO E LAVORARE PER AIELLO E GLI AIELLESI...perchè i primi interessati ad essere informati siamo NOI!!!


va behhh!!!!!

1
In questa sezione
In questa sezione

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google