AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

17.10

Mercoledì

17/07/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Notiziario/Tirreno/valle oliva: rendere pubblici risultati analisi

Fiume Oliva, il “De Grazia”: “Rendere pubblici i risultati delle analisi”

Il popolo che chiede verità sulla vallata dell'Oliva, come sulle decine di siti contaminati sparsi per l'intera regione, si rimette in marcia.

In un'assemblea convocata nella sede del Comitato Civico "Natale De Grazia" di Amantea attivisti di diverse sigle associative si sono ritrovate per fare il punto sull'attuale situazione e programmare le prossime iniziative per difendere il territorio e tutelare la salute dei cittadini. Ad iniziare dalla vicenda della vallata del torrente Oliva dove da alcuni mesi sono in corso le attività di riscontro da parte dell'autorità giudiziaria per appurare la natura delle sostanze illecitamente smaltite in zona. Proprio per questa vicenda il Comitato "De Grazia" ha chiesto che "vengano resi immediatamente pubblici i risultati delle analisi condotte sui campioni di terreno prelevati nell'Oliva".

«Non è possibile - affermano - che a distanza di diversi mesi non si abbia ancora prontezza di cosa è stato trovato nella vallata. Questa situazione di stallo crea molta tensione tra la popolazione che non comprende cosa possa essere avvenuto a ridosso delle proprie abitazioni. Circolano informazioni contraddittorie, rappresentanti delle istituzioni affermano che i dati in loro possesso sono "confortanti", altri confermerebbero invece quanto dichiarato dal procuratore Bruno Giordano che prima dell'estate ha parlato di "cento metri cubi di fanghi industriali"». E' il momento della verità, delle certezze. I cittadini vogliono sapere e per ottenere al più presto gli esiti delle analisi gli attivisti del Comitato assieme alle altre sigle presenti alla riunione annunciano battaglia. «Siamo pronti - spiegano - ad organizzare iniziative eclatanti per ottenere la pubblicazione dei risultati delle analisi e conoscere la verità su quanto accaduto nella vallata del torrente Oliva. Una verità che deve essere innanzitutto rivelata a quanti da anni risiedono in questa zona e nelle aree circostanti e che per questo temono per la loro salute». Da qui la richiesta agli enti che si sono occupati delle an alisi di "far pervenire alla Procura di Paola e quindi rendere pubblici subito i risultati, per poter avviare immediatamente le opere di bonifica dei siti inquinati".

Una richiesta che si allarga anche alle altre aree contaminate della Calabria e che porta gli attivisti del Comitato a lanciare una nuova iniziativa. «Stiamo organizzando - affermano - un nuovo evento ad un anno da quel 24 ottobre che ha portato nelle strade della nostra cittadina circa trentamila persone per protestare contro lo stato di abbandono dell'ambiente calabrese in sfregio anche alla stessa salute di tutti noi. Per quella data vorremmo poter discutere con esperti e rappresentanti delle istituzioni sui risultati delle analisi condotte nell'Oliva, su modalità e tempistica della bonifica. Per questo evento chiameremo a raccolta tutti quanti come noi stanno lottando in giro per la Calabria per salvaguardare i territori ed il diritto a vivere in una regione libera da qualsiasi forma di inquinamento».

 

18/09/2010
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

0 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

0 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

In questa sezione

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google