AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

12.49

Mercoledì

13/11/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 

Saccomanno e Cortese, evidenti tracce di depistaggio proprio come ai tempi della Jolly Rosso

Vi riproponiamo in anteprima il comunicato stampa di F. Saccomanno e L. Cortese coordinatori del Comitato politico regionale Prc-Se. Dopo gli ultimi avvenimenti riguardo alla "nave dei veleni" (ormai quasi fantasma) secondo molti - tra cui gli autori del comunicato - sono diventati chiari i segni di un tentativo di depistaggio dalla verità.

Moltissimi cittadini, con i quali abbiamo parlato in questi giorni, non credono affatto che quella d'avanti a Cetraro  possa essere la Catania. Qualcuno ci ha spiegato anche alcuni dei motivi che lo inducuno a diffidare dalla verità "ufficiale", citanto su tutto le dimensioni del relitto e la localizzazione dei due affondamenti, che non coincidono con il ritrovamento attuale.

Appare chiaro a questo punto, anche agli osservatori meno attenti, che per risollevare le sorti del turismo calabrese sarà necessario fugare ogni dubbio andando a prelevare fusti e nave dal fondo del Tirreno, anche se in quei fusti dovessero esserci sardine.

Il Governo ha dimostrato altre volte di poter mettere in atto manovre di risoluzione radicali e ben pubblicizzate, come a Napoli, adesso speriamo che trovi la determinazione di intervenire anche in Calabria.

Danilo Amendola

***

Comunicato Stampa

Navi dei Veleni - Saccomanno e Cortese (Prc): ci stanno depistando come ai tempi della Jolly Rosso

depistaggio_saccomanno_corteseAll'indomani delle prime "rassicurazioni governative" si à ricominciato a vendere il pesce e già è in atto un tentativo di messa al bando di tutti coloro che avrebbero creato allarmismo e recato danno enorme alle economnie locali e a quella calabrese più complessivamente.
Questo è il segnale di un clima che si arroventa, di uno spostamento più in alto del tiro, un primo punto di rottura concreto causato dalla grande manifestazione nazionale organizzata dai comitati, dalle associazioni e dai movimenti della Calabria che vuole cambiare.
Il Prc, agendo come elemento solidale nella mobilitazione in corso e dichiarando la forte volontà di sostenerla per la sua parte, auspica che si realizzi una connessione strettissima di tutti i soggetti che hanno dato vita alla giornata del 24/10 e che si possa dispiegare in campo il massimo della organicità e concordanza d'analisi possibile, in un processo chiaro e unitario, e attraverso un confronto costante sui
contenuti che eviti uno scivolamento nell'unanimismo e nello spontaneismo più rischioso e inefficace.
Occorre un atto comune che serva da risposta unitaria e a 360 gradi a tutti gli eventuali tentativi di depistaggio e al contrattacco ideologico e mediatico dei poteri forti.
Il governo deve capire che non è attinente al suo colore politico il fatto che le rassicurazioni governative non possono essere ritenute imparziali; non possiamo correre il rischio che l'organizzazione criminale colpevole di questo crimine contro l'umanità, che sappiamo coinvolgere governi, servizi segreti, potentati industriali, massoneria, n'drangheta e chi più ne ha più ne metta, sia la stessa che poi certifichi il danno da lei prodotto.
Il problema si ribadisce dunque in chiave internazionale, come è sempre stato aldilà delle apparenze e delle mistificazioni, e può forse questa essere la chiave di lettura che spiegherebbe le dichiarazioni di Grasso, Una Calabria e un mediterraneo "radioattivi" diventano un pericolo per aree molto più vaste di quelle di loro specifica competenza, diventa interessante e vitale per molti scoprire la verità. Ed è solo per quella via, oltre che per quella relativa a possibili accertamenti scientifici di parte del movimento, che il Prc sarebbe disposto a dare patente di credibilità alle presunte verità che ci verrebbero propinate come ai tempi della "Jolly Rosso".
Che siano le massime istituzioni internazionali preposte, fossero pure le Nazioni Unite, a garantire un parere terzo che altrimenti non sarebbe credibile visti il ginepraio di intrighi e di interessi coinvolti in questa sporca storia, metafora della decadenza e della oscenità del sistema capitalistico di oggi.

Francesco Saccomanno e Lucio Cortese
Comitato politico regionale Prc-Se

 

02/11/2009
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

0 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

0 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

In questa sezione

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google