AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

14.58

Lunedì

16/09/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Rubriche/Documenti/2009/ I tre giorni che sconvolsero il Pd

26.01.09 - I tre giorni che sconvolsero il Pd - 1

PRIMO GIORNO: 19 GENNAIO 2009

Il mitico CSM, che la ormai svilita e ammutolita società civile ha tante volte difeso contro l’assedio tenace dei legali, degli editorialisti e delle televisioni di Berlusconi, un giorno di gennaio 2009, che è già iscritto nella sottostoria italiana, è spontaneamente uscito dal bunker della difesa dei magistrati con le mani alzate.

Il gesto si è notato a causa della statura e della autorevole visibilità del vice-presidente del Csm Mancino. Ecco la motivazione della resa.

I magistrati di Salerno che stavano indagando sul clamoroso sabotaggio e mobbing organizzato da procura e procura generale di Catanzaro contro il magistrato (ormai trasferito a Napoli) De Magistris, sono stati duramente puniti. La ragione è avere preso l’iniziativa (ascoltare, come magistratura di competenza, la denuncia De Magistris) e di indagare sul possibile attacco dei colleghi a un magistrato che stava investigando illustri politici.

Questo voleva dire “acquisire atti” ovvero, se negati, sequestrarli.

Non a Catanzaro. A Catanzaro i giudici sotto accusa hanno la trovata geniale di sequestrare ai colleghi di Salerno gli atti appena sequestrati a loro stessi.

Dal Quirinale si “chiedono le carte” invece di chiarimenti. (E’ la prima volta nella storia della Repubblica). E i giornali, invece di constatare che, per qualche ragione, i magistrati di Catanzaro sono intoccabili, parlano di”rissa fra giudici”.

La storica cerimonia di resa del CSM al potere politico comprende la cacciata del procuratore capo di Salerno Apicella, con vergogna e denigrazione. Per avere indagato su ciò che non va indigato e avere prestato attenzione a un reietto come il giudice De Magistris, il procuratore capo di Salerno ha perduto il posto e lo stipendio, qualcosa che non è mai accaduto neppure a giudici in odore di Mafia.

Ognuno di coloro che hanno partecipato alla indagine ha avuto la sua punizione, in proporzione al ruolo: quanto più efficace, attivo, tempestivo, tanto più dura la misura disciplinare. Tutti i giudici della procura di Salerno, anche i non coinvolti, hanno detto e scritto la loro totale solidarietà al procuratore capo di Salerno.

Ma ciò non ha impedito al vice-presidente del CSM, ex centro di difesa dei giudici della intrusione del potere politico, di esclamare “Giustizia è fatta”, come dopo il processo di Verona.

Quanto alla banda dei legali di Berlusconi e di altri intoccabili, avvranno potuto annotare quel giorno:

“CARO DIARIO, FINALMENTE CI SIAMO LIBERATI DEL CSM. D’ORA IN POI LA LEZIONE E’ CHIARA: CHI DEVE TACERE, TACE".

PARTE 1 - Continua 

Furio Colombo

Guarda l'intervista a G. Genchi su sky Tg24http://video.sky.it/services/link/bcpid1513658495/bclid1519719414/bctid9101473001

Furio Colombo
26/01/2009
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

0 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

0 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

In questa sezione

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google