AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

4.55

Lunedì

22/04/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Rubriche/Franco Pedatella/Dedicata a tutti gli innamorati

San Valentino. Poesia di Franco Pedatella dedicata a tutti gli innamorati: Ogni parola m’esce a mo’ di verso

Dedico questo brano a tutti gli innamorati, perché avvertano il loro amore come sentimento che eleva e non abbassa, perfeziona e non abbrutisce, affina e non istintualizza. Guardino essi a questo sentimento come a momento di esaltazione della loro umanità e non si lascino deviare da tanta, purtroppo invadente, pubblicità e pratica di mercificazione di questo sentimento. Saluti affettuosi! Franco Pedatella.

***

(Il poeta) - Il brano nasce da una fusione tra la figura mitologica della Musa, ispiratrice di poesia, e l’Amore che mi sta al fianco, che si fa a sua volta fonte ispiratrice di poesia. L’occasione di questo accostamento è data dall’avvicinarsi della ricorrenza di San Valentino, meglio nota come “festa degli innamorati”.

Ogni parola m’esce a mo’ di verso.

Ogni parola m’esce a mo’ di verso
ed il discorrer fàcesi poesia,
perché Euterpe ho al fianco e il suon suo terso
è soffio al labbro a me di melodia.

Le piante, i fiori che con l’occhio sfioro
si fan pulzelle e giovani fiorenti
sí che a mirarli godo e in cuor li onoro,
trovandoli graditi e in sé contenti,

e quello che accarezzo a pel di dita,
sassi, aer lieve o da umor gravato,
al tocco ho l’impression che prenda vita

e mi sussurri all’aure il disïato
ringraziamento, onde faccio parte
l’Amor che al lato m’è a spirar quest’arte.

 

Cleto, 13 febbraio 2012 Franco Pedatella

15/02/2012
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

1 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

1 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

eugeniomedaglia

Franco, qualche parola di commento la devi avere, altrimenti rischi che ti capiscono in pochi. Eccola. Il poeta da solo non ce la fa a cantare l'amore ed allora si lascia aiutare da Euterpe, il cui nome significa appunto: porto piacere. Lei è la musa ispiratrice del canto e viene sempre raffigurata nell'atto di suonare il flauto. Il poeta inoltre è chiaramente innamorato perchè tutto ciò che tocca e guarda prende vita e gioisce.Questo succede solo agli innamorati. Fino a questo punto fila tutto liscio. Una domanda mi occupa la testa. Chi è la fortunata vera musa ispiratrice della poesia che sembra una canzone del Petrarca?. Chi è la vera Laura? Fuori il nome.

1
In questa sezione

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google