AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

0.23

Mercoledì

15/07/2020

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Notiziario/Archivio/Archivio del Basso Tirreno Cosentino/Anno 2009/A Chi l'ha visto va in onda l'orrore del IPG

A Chi l'ha visto va in onda l'orrore del IPG

Morti e ferite sospette, segni di percosse e di maltrattamenti: a raccontarlo sono stati i familiari di alcuni degenti della casa di cura Papa Giovanni XXIII alla trasmissione televisiva Chi l’Ha visto in onda su Raitre

01/04/2009 Uno scenario raccapricciante sul "Papa Giovanni XXIII" è venuto fuori dalla trasmissione di Raitre "Chi l'ha visto?", incentrata proprio sull'istituto di cura del Cosentino ancora dunque sotto i riflettori. Morti e ferite sospette, segni di percosse e di maltrattamenti: a raccontarlo sono stati i familiari di alcuni degenti della casa di cura Papa Giovanni XXIII alla trasmissione televisiva Chi l’Ha visto in onda su Raitre. Un ex dipendente, parlando dei casi di scomparsi su cui sta indagando la Procura di Paola, ha detto di non saperseli spiegare. «Alcuni forse – ha detto – se ne sono andati spontaneamente, ma per altri non riesco a capire. Magari sono morti accidentalmente. Gli investigatori parlano anche di traffico d’organi, ma chi lo dice, dove sono le prove?». Il parente di un degente ha raccontato di averlo fatto trasferire alcuni anni fa dopo avere notato dei segni di percosse sulla schiena. «Da quando era entrato al Papa Giovanni - ha detto l’uomo – aveva smesso di parlare. Una volta portato in un’altra struttura ha ricominciato a parlare come per miracolo». La mamma di un altro degente, ha detto che alcuni dipendenti licenziati hanno raccontato di malati messi con i piedi nell’acqua calda per non farli camminare e di altri con orecchi gonfi perchè tirati, anche se «i medici parlavano di casi patologici». «Una volta – ha detto infine la donna – ho visto dei dipendenti che guardavano divertiti dentro una stanza ed ho visto che c'era un malato che violentava un poveretto».

 

fonte: ilquotidianodellacalabria.it
02/04/2009
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

9 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

9 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

leggendo l'articolo fonte "il quotidiano della calabria" del 2 aprile 2009 non voglio credere che tali fatti siano successi!!!!!Che vergogna!!!! è la verità ? aspettiamo. Se cosi fosse le persone che sapevano o hanno visto anche loro sono colpevole


emigrante piemonte

Una domanda: con 600/700 euro al mese è possibile costruirsi una villa?? Basta requisirla e chiedere ai proprietari le fatture ed i permessi per la edificazione. In piemonte questo non è possibile, in Calabria si questo ed altro. Spiegatemi come si fà. Grazie


Management problem

queste cose succedono quando non c'e ordine e non c'era ordine nell'IPG se no le cose non sarebbero arrivate a tutto questo se tutto questo e' vero - e' da trenta o quaranta anni fa' fino ad ora questo sfunzionamento,ma ora non ci meravigliamo. Chiudere gli occhi a quello che succede (ci credo che queste cose possono essere successe) pero essere testimoni di questi atti inumani e non fare nulla come il tacere ci rende complici. La signora o il signore o i familiari che hanno visto quello che ammettono dovrebbero avere vergogna per non aver agito sull'istante e non hanno portato a casa le loro creature. Ma diciamola come e' :si vive meglio quando ce le togliamo davanti persone come gli ospiti dell'IPG.Chi ha managiato l'istituto mi sembra che c'era qualcuno che non ha fatto il suo compito oppure nessun e andato a riportare.Ci meravigliamo dei paesi bassi ma non cerchiamo di togliere il travo che abbiamo nei nostri occhi finche' il gatto e' fuori il sacco. Eppure sappiamo parlare e giudicare dopo che tutto questo soffrire e' fuori e tutti abbiamo un parere.Ho visitato l'IPG non ho visto niente . Ho visto sofferenti abbandono dei familiari pero' tutto era pulito non erano affamati e si chiacchierava come banbini. Tu che hai visto e non hai aggito quale e' la tua scusa; che lo/la avresti dovuto portare a casa tua per difenderlo o difenderla dal male. E se hai visto con i tuoi occhi violentare qualcuno che scusa mi dai ora che non sei andata/o subito a riportare il fatto. E' ladro chi ruba e chi tiene il sacco e tu il sacco l'hai aiutato a tenere col tuo tacere.


di tutta l'erba

Per STRANGER ma che ti credi che chi rubava lo andava a spifferare ai colleghi? ti credi di essere l'unico furbo? sai quante denunce ci sono state intorno all'istituto? CI VOGLIONO LE PROVE per processare la gente. Se no il Berlusconi era in galera da un pezzo con mezzo parlamento... E li era giusto e ci sono pure le prove. ihihihiihih


X DI TUTTA L'ERBA UN FASCIO NON CAPISCO CHE UNA PERSONA POSSA LAVORARE SENZA ESSERE PAGATA E NON FA NULLA QUANDO SA CHE NELL'AZIENDA C'E GENTE CHE SFRUTTAVA L'IPG E DUNQUE I PROPRI COLLEGHI!!!!! BISOGNAVA DENUNCIARE QUESTI FATTI A SUO TEMPO E NON ADESSO. NON PENSATE CHE SIA UN PO TARDI? LA COLPA NON E ANCHE (un po) VOSTRA


emigrante piemontese

Era chiaro che mi riferivo solo e soltanto verso quelle persone che hanno trattato in modo inumano delle persone che avevvano avuto la sfortuna di non essere stati accuditi dai propri familiari.Certo che scaggiono quelli che si sono sacrificati lavorando, senza neppure essere stati pagati. Le persone pulite "Devono avere il coraggio di denunciare "i LORO AMICI DISUMANI E LADRI"( si proprio ladri) che hanno distrutto e rubato tutto costruendosi ville ed altro. La omertà non paga.


Sia ben chiaro un concetto : il fatto che l'IPG sia stato chiuso,non significa che eventuali responsabilità penali sono automaticamente decadute. Cioè, una volta dimostrati i maltrattamenti verso gli ospiti della struttura, inizierà obbligatoriamente l'accertamentento delle responsabilità individuali.Basterà che le famiglie si trovino un buon avvocato. Per fortuna che "Chi l'ha Visto" ha portato il caso a livello nazionale e lo manterrà sotto gli occhi di tutti per molto tempo !Questo renderà molto piu complicato l'insabbiamento giudiziario che sarà ,senza alcun dubbio, tentato.


di tutta l'erba un fascio

Cerchiamo di non fare di tutta l'erba un fascio, molti dipendenti hanno lavorato onestamente e senza essere pagati. Per colpa di pochi che sono sospettati di aver fatto delle cose poco onorevoli non ci possono andare di mezzo tutti! Cerchiamo di essere persone intelligenti e di capirci.


emigrante piemontese

Avendo letto il quotidiano e sono veritiere queste affermazioni, e ci credo, bisogna fare una cosa: 1)Essere arrestate tutte le persone che hanno compiuto quegli atti. 2)Hanno chiuso l'istituto e vi hanno licenziato: era il minimo che dovevano fare. Vi hanno messo in cassa integrazione, mi dispiace ma dovevvo darvi la "Gattabuia e buttare le chiavi". Smettete di piangere adesso, pagate i pianti che abbiamo fatto noi parenti. VErgogna

1
In questa sezione

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google