AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

13.26

Sabato

17/08/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Aiello Calabro/La poesia/GIULIO DI MALTA

Giulio Di Malta - Poeta Aiellese

Nato ad Aiello Calabro il 22-01-1933, Giulio Di Malta frequento’ gli studi liceali a Cosenza e quelli universitari a Napoli. Imprenditore agricolo, esso e’ maggiormente conosciuto per la sua arte pittorica ( innumerevoli sono state le mostre dei suoi quadri) e letteraria che gli ha conferito il titolo di studioso della Lingua Dialettale Calabrese. In tutte le sue opere, pittoriche e poetiche, esso evidenzia il grande amore per il paese che, nonostante gli impegni di lavoro che lo hanno spesso allontanato, lo ha visto nascere e crescere, diventare grande, forte e coi capelli bianchi.
Pittore di fama tanto da essere inserito nei cataloghi di arte nazionali ed esteri Bollaffi, Conte, Quadrato. Accademico cosentino fin dal lontano 1976, e’ stato conduttore di trasmissioni radiofoniche e televisive calabresi. Tra le opere pubblicate in gergo aiellese vi sono “ Quatri d’ Aiellu” I e II volume, “ Calabria mia”, “ U nocchieru”.
Sono state pubblicate molte sue liriche e racconti su giornali regionali, nazionali ed esteri, sui quali, sono apparse recensioni culturali. Ha collaborato con le riviste: “ La Calabria”, “ Nuova Comunita’”, “ Il mattino”, “ Il messaggero economico italiano”, “ Calabria letteraria”.
In molte delle sue poesie si legge la sua grande fede e l’ amore per Dio e per la chiesa.

Alcune poesie di Giulio di Malta


PPECCHI…. SIGNURE
Speriamu ca portassi cuntentizza,
st’ annu chi vene Aiellu mai scurdatu,
si piansu ari cristiani da Polonia,
iettati fore supra aru sacratu
dicu: “ Signure miu ppecchi ‘ sta terra,
ca ta vue bene e mmai t’ ha rinnegatu.
Dicu signure miu ppecchi ‘ sta gente
Ancora oie tu ha abbandunatu!”
Domandu spegazione allu cumpari,
russa de sangu e pilu e de culure,
Signure miu capisciu a situazione,
pruavu pped’ illu ancora cchiu’ dulure.
Dumandu aiutu all’ uommini du Mundu,
alli potenti, a chilli de curtura,
Me guardu ‘ ntuarnu, sulu ‘u Papa preghe.
Signure miu ascorta sta criatura.

AIELLO CALABRO 6 DICEMBRE 1981

U PATRE
Ie’ tornatu lu Patru allu Cummiantu
A neglia sind’ie’ juta e sti timpuni,
sprende llu sule, aumente llu turmiantu,
i vagli su vacanti e lli purtuni.
Ie’ tornatu lu Patre e lli pagliari,
scuoppole tuttu, gia’ sienti lu lamientu,
di viecchi muorti e friddu e ddi quatrari.
Ie’ tornatu lu Patre , c’ ie’ lla pace.
Sprende llu sule supra le carrere,
puru lu Lupu, supra i cuozzi tace,
fanu li juri nterra le spasere.

Dedicata a Giovanni Paolo II AIELLO CALABRO 4 GIUGNO 1998.
Rosanna Lepore
28/02/2005
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

0 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

0 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google