AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

1.55

Giovedì

19/09/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Aiello Calabro/Arte Storia e Cultura

ARTE STORIA E CULTURA


21/02/2011

Novanta anni fa, il 20 febbraio 1921, i fatti di Aiello Calabro. Due morti in una dimostrazione contro la tassa sul focatico

Ciò che successe quel 20 febbraio 1921 passò alla cronaca ed alla storia come i Fatti luttuosi di Ajello in Calabria, ed ebbero una rilevanza nazionale oltre che locale.
Sono circa le dieci del mattino, quando centinaia di contadini iscritti alla sezione della Lega del lavoro di Stragolera e Cannavali (due frazioni del comune, nda) si riversano in paese per protestare contro la tassa sul focatico. Una imposta diretta comunale di origine medioevale, poi abolita nel 1931, applicata solo alle famiglie benestanti, che l'Amministrazione di Aiello aveva deciso di estendere a tutti, senza distinzione di reddito. Una simile reazione delle classi più povere si era registrata già nel luglio 1919, ad Aiello come in altri centri calabresi, per il rincaro del costo della vita.

26/08/2010

Funtana, funtanella. Una canzone popolare Ajellese degli anni '30

Funtana funtanellaQui di seguito, pubblichiamo "Funtana Funtanella", una canzone popolare Ajellese, scritta nei primi anni ‘30 da Luigi Vocaturo e musicata da Adolfo Civitelli. La canzone, per chi vuole ascoltarla, è disponibile su internet a questo indirizzo (www.myspace.com/genuzzogiardino), cantata da Eugenio Giardino, aiellese doc che vive in Liguria.

21/05/2006

Un articolo su Ajello su "Storicittà"

Copertina di StoricittàAIELLO CALABRO – L’antico centro collinare del basso Tirreno cosentino è oggetto di un interessante articolo ospitato nell’ultimo numero di “Storicittà”, la rivista pubblicata in Lametia Terme per i tipi di Randolfo Calfa editore e fondata nel 1992 da Massimo lannicelli.
12/11/2005

“Alla ricerca di Temesa”-conclusa la campagna 2005

SERRA AIELLO – Dodici le tombe a fossa semplice o segnate da cordoli in ciottoli di fiume e centinaia i reperti appartenenti ai corredi funerari portati alla luce. Il bilancio della seconda campagna di scavi appena conclusa (fine ottobre) che ha interessato località Chiane, nel territorio di Serra, è da ritenersi più che soddisfacente e di notevole interesse scientifico, come peraltro testimoniato dalla presenza sul sito archeologico, proprio nell’ultimo giorno di ricerche, della stessa Soprintendente Annalisa Zarattini che ha voluto visitare personalmente il luogo degli scavi, accompagnata da Luigi La Rocca, direttore scientifico delle ricerche.
11/11/2005

Il Parco Archeologico di Serra Aiello (Cs)

Il Parco Archeologico Cozzo Piano Grande, posto a 356 metri s.l.m., è il primo dei colli a sommità pianeggiante posto tra Imbelli ad ovest e Chiane ad est e tra i fiumi Olivo e Ribes a Nord e Sud a circa 3000 metri di distanza dalla linea di costa. Come gli altri due colli serresi (Cozzo Carminenatonio e Chiane), gode di una particolare posizione panoramica da cui esercitare il controllo di una lunga fascia costiera e delle vie di comunicazione lungo il fiume Olivo, tramite le quali in passato si poteva rapidamente raggiungere la Sibaritide. Tale peculiarità ha fatto sì che tutta la zona fosse abitata sin dalla protostoria e che ora dagli studiosi è considerata a forte rilevanza archeologica.

12/10/2005

Serra Aiello, Alla ricerca di Temesa

Ricomincia la seconda campagna di scavi della Soprintendenza Archeologica per la Calabria

SERRA AIELLO – Anche se con qualche settimana di ritardo rispetto alle previsioni, sono ricominciati ufficialmente gli scavi nel territorio di Serra riguardanti la mitica città di Temesa.

Come i lettori ed i cultori di archeologia e di storia locale ricorderanno, già da tempo, la Soprintendenza archeologica per la Calabria, sta meritoriamente provvedendo a riportare alla luce, assieme al gruppo di volontariato Alybas e con la collaborazione della Amministrazione comunale locale, quanto sino ad ora il sottosuolo in esame ha conservato nei secoli.

31/08/2005

Altre tracce di Temesa?

aryballoi 1Sull’ultimo numero di “Calabria in Festa” (anno 3 – n° 2 di agosto 2005), tutt’ora in edicola in abbinamento con “Il Quotidiano della Calabria” (euro 1,50 + il costo del giornale), è pubblicato un interessante articolo sugli scavi di Temesa nella vicina Serra d’Aiello, a firma di Luigi La Rocca della Soprintendenza Archeologica per la Calabria, che vi invitiamo a leggere sulla rivista.


AielloCalabro.Net


Add to Google