AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

3.36

Lunedì

19/08/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 

Emozioni in Piazza

Comunicato Stampa
Successo per Castellaria ad Aiello Calabro Con la D’Abbraccio in Amara Femmena

È UNA SERATA di metà Agosto, la temperatura è ideale e il cielo è più stellato delle altre sere, quasi a voler sottolineare che da lì a poco sul palcoscenico di Aiello Calabro farà il suo ingresso un astro del teatro italiano. A render ancor più suggestiva l’atmosfera è Piazza Plebiscito che con i suoi nobili palazzi fa da cornice alla serata. La risposta del pubblico aiellese non si fa attendere accogliendo e lusingando la partenopea con un caloroso applauso, fin dalla sua entrata in scena.

“Amarafemmena” con Mariangela D’Abbraccio per la regia di Francesco Tavassi, è uno spettacolo particolare, una sorta di recital-concerto in cui l’attrice si lascia accompagnare dalle note dei musicisti sul palco, per recitare parole di autori napoletani e raccontare Napoli e la sua “napoletanità”. La cultura, la civiltà, l’arte di Napoli affidate ad una donna di Napoli, indiscussa attrice, ma soprattutto autentica. Così la D’Abbraccio ed un gruppo di giovani musicisti toscani, mettono insieme le esperienze accumulate nei diversi repertori per dare vita ad un concentrato di parole e musica, con frammenti tratti dai grandi autori napoletani anche contemporanei, con pagine della letteratura, della canzone, del teatro, della vita reale; dalla corte borbonica alle periferie governate dalla camorra dei giorni nostri. Eduardo, Raffaele Viviani, Moscato, Ruccello, Antonio De Curtis, Pino Daniele, Carosone, Gragnaniello sono alcuni degli autori che Mariangela D’Abbraccio incontra accompagnata dalla voce e chitarre di Luca Giacomelli, dalla chitarra di Luca Dirozzi, dal violino di Alessandro Golini, dal contrabbasso di Luca Necciari, dalla fisarmonica di Gianluca Casadei e dal tamburello e le percussioni di Vincenzo Gagliani. Artisti che con la loro musica esprimono le diverse contaminazioni un po’ zingare, un po’ argentine, con echi delle ballate dell’est europeo ma anche la ritmica e certi colori partenopei tipici delle danze popolari, creando uno stile così ricco di soluzioni in grado di dare la possibilità di affrontare anche i classici, reinterpretandoli, e assicurando sempre la libertà all’anima e forti emozioni.

Lo spettacolo, concesso al Comune di Aiello Calabro dalla Regione Calabria, fa parte del circuito Castellaria, un progetto che si propone la valorizzazione dei centri storici di pregio e dei castelli.

21/08/2005
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

0 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

0 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

In questa sezione

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google