AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

12.08

Martedì

06/12/2022

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Notiziario/Archivio/Archivio Notizie da Aiello/Anno 2009/Iacucci, non toglieremo il crocifisso

Aiello Calabro. Il Sindaco annuncia che nelle sue scuole non si toglierà il crocifisso

Riceviamo e pubblichiamo

***

Comunicato stampa - Iacucci e il crocifisso: Pensieri laici nel rispetto della tradizione

IacucciComunicato Stampa:

“Nelle scuole e negli edifici pubblici del Comune di Aiello Calabro il Crocifisso non verrà tolto”. E’ quanto ha dichiarato il sindaco di Aiello, Franco Iacucci, il quale ha deciso di mantenere il crocifisso nelle aule delle scuole ed in tutti gli edifici pubblici del suo Comune in segno di massimo rispetto dei fondamentali valori civili e culturali dell’intera comunità nazionale e locale”. “Affermo questo –ha proseguito Iacucci- da laico convinto, poiché il crocifisso, a mio parere, non intacca minimamente i principi di laicità dello Stato. Esso, infatti non è solo un simbolo religioso, ma rappresenta la nostra tradizione e, perciò, come tale, non può infastidire nessuno. La sua presenza in classe non significa adesione al Cattolicesimo, ma la nostra storia, la tradizione. Le radici dell’Italia, le radici della Calabria e dei nostri piccoli e grandi comuni passano anche attraverso simboli, cancellando i quali si cancella una parte di noi stessi. Purtroppo quest’Europa, che non valorizza il passato dei Paesi ma annichilisce tutto in nome della laicità. desta grande preoccupazione”. “Anche io, che provengo da una tradizione comunista e che non ho la fortuna di avere fede - conclude Iacucci- metterò il crocifisso nella mia stanza e incoraggerò anche altri a farlo”. Aiello Calabro

Comunicato dell'Amministrazione Comunale
18/11/2009
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

19 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

19 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

@ "catone 23/11/2009 13.25" - Sono d'accordo... bisognerebbe lasciare in pace questo povere crocifisso.... enon stumentalizzarlo per qualche votino in più. La cosa che fa PAURA e che io noon capisco E CHE IL SINDACO IACUCCI DOPO 30 ANNI DI GOVERNO sente l'sigenza di appendere il crocifisso e di farlo appendere pure agli altri. Ma nei trenta anni precedenti ALLA SENTENZA EUROPEA...il crocifisso dove lo teneva il sindaco CHIUSO NEL CASSETTO??? ed adesso tutto ad un tratto ha avuto una mistica conversione dettata dalla sentenza europea... QUANTE CONTRADDIZIONI. Forse sono io che sono ignorante e non capisco il mondo di oggi....MAH....


Cari amici,ho l'impressione che il Sig.Sindaco(da esperto politico di paese)non potendo fare "politichetta"come in passato,perchè questa volta c'è una seria e valida opposizione,escogita "trucchetti politici" per distogliere l'attenzione dai problemi seri del paese.Prima la Balzerani,ora il Crocefisso e quanto prima ne inventerà un'altra.Fra poco arriverà il Santo Natale è forse lo vedremo apparire alla messa di mezzanotte assieme ai "Re Magi".Allora si che ne parlerà l'intera calabria.!!!


l'ipocrisia regna sovrana. QUESTO SINDACO ASPETTA LA SENTENZA DELL'EUROPA PER METTERE IL CROCIFISSO NELLA SUA sTANZA(che poi non so a quale statnza si riferisce). iN TRENTANNI DI sindaco non ne ha mai sentito l'esigenza di mettere il crocificco(quindi poi non gli attribuiva tutto questo significato universale), adesso per farsi un pò propaganda COGLIE LA PALA AL BALZO.... crenado polemiche inutili SUL NOSTRO BEL COMUNE... e stupide guerre di religioni per uno che nemmeno ci crede


nelle scuole un bel crocifisso enorme...con qualche brigatista in cattedra....ALTRO CHE GELMINI questa è la vera riforma scolastica


Al sindaco di Aiello,ormai convertito al cattolicesimo ed alla redenzione degli"assassini di stato" non resta altro da fare che un viaggio a Lourdes.Volete vedere che primo o poi lo farà?Magari con le "sue assessore"!


certo che il sindaco dalla vicenda BALZARANI non sa più come uscirne che adesso chiama in causa il crocefisso...


A me sembra che Iacucci (come Buttiglione, Berlusconi, quelli del PD, ecc..) abbia proprio fatto ciò che chiede la Chiesa, eppure voi continunate a vedere il gesto come un attacco alla chiesa stessa. Ma avete visto in televisione quanti preti e politici ci sono che ogni giorno che chiedono proprio quello che Iacucci ha fatto? Protestate piuttosto con il Sindaco perchè non rispetta le istituzioni e le sentenze e magari protestate anche contro la Chiesa perchè è essa in primis che non rispetta la vostra religione, riducendo con le sue richieste il crocifisso a simbolo di tradizione, un pò come la pizza.


ormai siamo alla confusione più completa.A volte,quando si supera il limite di guardia,si perde il controllo.Peccato che gli Assessori(ma ci sono?)non intervengono neanche in "aiuto".Pure loro muti!Eppure qualcuno(a) frequenta assiduamente la chiesa e si professa cattolica e praticante.Che squallore!!!


questo sindaco è in affanno... uno SCANDALO DIETRO L'ALTRO. Nessun sindaco della calabria ha fatto venire la balzerani e nessun sindaco di qualsiasi partito ha MESSO IN BALLO IL CROCIFISSO per mettersi in mostra. Io mi domando quale potere ha il sindaco sulla scuola pubblica. Comanda la scuola di aiello, FA ANCHE DA PRESIDE?? E a chi si rivolge in codesto artico, SI ERGE A PALDINO DI CUI, E CONTRO CHI. E' palesemente PROPAGANDISCTICO, io non sono credente, ma penso che chi abbiaun minimo di semsibilità e fede non POSSA CHE RITENERSI OFFESO PER le affermazioni del sindaco CHE SENZA ALCUNA COMPETENZA, SENZA AVER NESSUN POTERE in MERITO, mette avanti il crocifisso, TIRANDOLO in ballo per fini che non sono quelli religiosi. Mi meraviglio della chiesa aiellese che si lasci strumentalizzare in questo modo.


Come al solito,pur di fare protagonismo,non si cura neanche della religione.!Ma ciò che mi chiedo è:questa "nuova " chiesa di Aiello non ha voce?In occasione della Balzerani è stata muta e sorda;anche ora che l'affermazione(fuori luogo)del sindaco la prevarica resta sorda e muta:ma cosa è venuta a fare?politica di parte?


Perchè, perchè, perchè..SINDACO strumentalizza un qualcosa che a dir suo non le appartiene... Lasci stare il crocifisso, faccia il politico non utilizzando un qualcosa che è immensamente più grande di lei


Ma il sindaco di AIello che fa queste affermazione da CHI E DA COSA VUOLE PROTEGGERE Il CROCIFISSO. C'è qualcuno forse che vuole togliere il crocefisso dalla scuola di Aiello??' NO.. Ed allora perchè si pone il problema?? perchè non LASCIA in pace il simbolo del cristianesimo? Non lo usi, ripeto non lo usi per altri fidi CHE NON SIANO LA PREGHIERA E LA FEDE Lei sindaco ha turbato la mia sensibilità di credente E NON SI PERMETTA MAI PIU' A METTERE IN MEZZO COSE CHE con la politica non c'entrano niente.


SCONCERTATO: Voglio ricordare che 1) sono i diregenti scolastici a decidere su tutto ciò che riguarda la scuola (crocefisso compreso)e non il sindaco di AIELLO, per fortuna se no ci troveremmo a leggere al posto dell'antologia i libri della balzerani. 2) Nessuno ha detto mai di voler togliere il crocifisso dalla scuola di Aiello... ed allora perchè il sindaco lo tira in ballo 3) Il governo di centro destra si è appellato alla sentenza della corte europea, QUINDI NULLA DI FATTO 4) Dire che lei ateo metta in camera sua un crocifisso non interessa nessuno. Perchè caro sindaco la FEDE è qualcosa di privato che non deve essere strumetalizzato per ottenere voti. Se lei non crede che lo mette a fere un crocefisso nella sua stanza RENDENDOLO PER GIUNTA PUBBLICO. QUELLO CHE E' SUCCESSO E' GRAVA, non si può utilizzare la religione in questo modo.


non pensavo che il sindaco di aiello calabro scendesse così basso da mettere in campo ANCHE IL CROCIFISSO, facendo POLITICA. Nessuno politico italiano nemmeno la binettI le spara così grosse, voglio Dire AL SINDACO DI NON AZZARDARSI MINIMAMENTE A FARE POLITICA CON LA RELIGIONE E STRUMENTALIZZARE un simbolo COSì ALTO che per molti vuol dire TUTTO e forse per lui non vuol dire niente. E DA QUI NASCE LA SUA SUPERFICIALITA' NEL FARE POLITICA UTILIZZANDO LA CROCE.... VERGOGNA!!!!!!


leggendo il comunicato nel quale il sindaco dice di voler mettere il crocefisso nella "sua stanza"non capisco se si riferisce alla stanza di casa o quella del comune.In quest'ultimo caso "quella stanza non è sua "ma dell'intero paese... o l'ha comprata?!


io ho l'impressione che al Sindaco di Aiello(che fa il comunista ed il laico)del crocefisso in aula o altri luoghi gli interessa ben poco.Forse,come al solito,crede di aver scoperto qualche altro argomento per essere sulle pagine dei giornali.Sarebbe meglio non commentare neanche ciò che dice e pensa a proposito perchè,quello che pensa veramente,non lo dirà mai.Per cui sono in linea con il lettore"libero".


Un classico esempio ateo-devoto che non ci pensa due volte inginocchiarsi per una manciata di voti. E al diavolo il diritto. Per quanto mi riguarda andrò al TAR (e anch'io incoraggerò altri a farlo) per far rispettare la sentenza e chiedendo al contempo i danni al Comune.


non penso che abbia il potered togliere i crocifissi dai luoghi pubblici...e comunque si metterebbe contro tutta l'area cattolica del pd che per la posizione che occupa alla provincia nin gli converrebbe. Teniamo il crocifisso nelle scuole e UTILIZZIAMO COME TESTI DIDATTICI quelli SCRITTI DALLA BALZERANI. Quanta ambiguità politica


Dopo gli eventi con la brigatista il nostro sindacaccio si è pentito e cerca di redimersi mo. lo dicevo che è di bueni.

1
In questa sezione

Avis 5x1000

Olivhere.com: the agrifood marketplace.


AielloCalabro.Net


Add to Google