AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

9.32

Venerdì

21/06/2024

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Notiziario/Archivio/Archivio del Basso Tirreno Cosentino/Anno 2009/Papa Giovanni smembrato/Papa Giovanni, la protesta a Roma e Catanzaro

Papa Giovanni, la protesta a Roma e Catanzaro

Anche nella Capitale la protesta dura e decisa dei lavoratori del Papa Giovanni XXIII di Serra D'Aiello. Davanti all'assessorato alla Sanità regionale, inoltre, i dipendenti si sono incatenati

Papa-giovanni-striscione-pr16/03/2009 - Una delegazione di lavoratori dell’Istituto Papa Giovanni XXIII di Serra d’Aiello (Cs), negli ultimi giorni al centro delle cronache per una serie di fatti sospetti, sparizioni e decessi, si è recata oggi a Roma per protestare.

Sono una decina i dipendenti che hanno mostrato striscioni e innalzato cori, davanti a Palazzo Chigi, in attesa di essere ricevuti da qualche rappresentante del Governo.

L'inento è di portare all'attenzione del governo nazionale la grave situazione in cui versa la struttura e le perplessità sul loro futuro occupazione, e dunque rendere note di persona le loro condizioni e fare delle specifiche richieste.

I lavoratori minacciano di iniziare uno sciopero ad oltranza della fame e della sete se non avranno ascolto.
Intanto restano aperte ben due inchieste sull’Istituto Papa Giovanni e nei giorni scorsi è stata emessa una ordinanza di sgombero.

Ma la protesta non si ferma nella capitale. Anche a Catanzaro, davanti alla sede dell’assessorato regionale alla Sanità, i lavoratori dell’Istituto Papa Giovanni di Serra d’Aiello stanno facendo sentire la loro voce. Una delegazione di dipendenti da questa mattina, infatti, si è incatenata e chiede un incontro con i dirigenti.

16/03/2009
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

1 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

1 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

...FINE...

si stà concludendo in queste ore l'ultimo capitolo dell'IPGXXIII sotto i colpi dei celerini i dipendenti non hanno potuto nulla...stanno "deportando" gli ospiti!!!la CHIESA LADRA i POLITII-POLITICANTI di turno adesso credono di poter tirare un sospiro di sollievo...X i POLITICI: il bello deve ancora arrivare!!!CHIESA avete tradito come nessuno nella storia aveva fatto...VERGOGNA!!!siete stati gli artefici della miseria in cui avete gettato 550 dipendenti e dell'angoscia che avete procurato a 300 ospiti.Dico solo che chi la pensa come me e versa nelle mie stesse condizioni alle prossime elezioni DEVE ASTENERSI....

1

Avis 5x1000

Olivhere.com: the agrifood marketplace.


AielloCalabro.Net


Add to Google