AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

19.59

Domenica

25/08/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Aiello Calabro/La poesia/DOMENICO MEDAGLIA/Poesia - Juochi bielli

Poesia - Juochi bielli

Ccu lu sule o ccu llu friscu,
allu largu e San Franciscu,
jocan tanti quatrarielli,
piccirilli e grandicielli;
su' nna frotta e gridazzari,
cum'e loru un cce su' pari
O de sira o de juornu,
fanu chiassu ntuornu ntuornu..

Fanu tanti juochi bielli:
a scappare cum’ acielli,
all’ ammuccia sutt’u muru,
strittu all’ uocchi u maccaturu.

Io me scialu a lli guardare,
ccu na voglia de penzare
ca quand'ere piccirillu
io jocave allu stirillu
alla palla e' pezza e' lana
ca zumpave cumu a rana;
allu strumbulu, allu rullu
alle stacce ccu llu zullu.

Quandu pue ere maturu
io jocave a battamuru
ccu tri sordi e nna rimella.
Chilla vita ere cchiu bella!
Vita bella de quatraru,
sempre lustra cumu u faru.
Ohi cchi tiempi,e cchi etate,
senza viernu e sempre estate!
Mue ca signu allu tramuntu,
a vecchiaia a cchine a cuntu?


Commento del professore Plastino - Nella lirica si intrecciano due profondi concetti: quello del fluire del tempo e quello del ricordo, senza però stagliarsi e differenziarsi l'uno dall’altro. Il poeta da un’occasione ( il gioco dei fanciulli che ricorda il Sabato del Villaggio di Leopardi), spinge il suo animo alla rimembranza e la veste della mestizia della vita che fu, ma non v’è dolore, soltanto nostalgia di un tempo migliore.
Domenico Medaglia
12/09/2005
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

4 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

4 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

Grazie. E' una poesia, o almeno voglio credere che lo sia.


Complimenti a pa... Ma cos'è una poesia?


Stanotte conto sulle dita le stelle che ho visto cadere in un istante lungo dipinto di luce sul percorso di un viale fragile e seccato. Stanotte tolgo dal cilindro Poggiato su un pianoforte lucido I petali scuri e tondi di una violetta Colta a primavera E stretta tra le mani, ne ruberò il profumo…. Stanotte cerco nelle linee orizzontali Quella che mi tiene in equilibrio come una cometa sgretolata che scende a pezzi sullo specchio della sua immagine lontana. Stanotte guardo la televisione E mi perdo nella cinematografia e la proiezione di un film in bianco e nero mi confonde ad pupazzo di pezza Appeso a un chiodo nel buio polveroso di una soffitta abbandonata. E riempio una scatola di latta Che trattiene nel suo guscio arrugginito Confetti, matite e frasi arrotolate. Stanotte un giradischi parla a me d’amore E tra alte e basse righe viaggia nella stanza vuota e piena della notte breve, cosparsa di molliche e itinerari di zanzare che ronzano nella notte breve e non fanno capire che una stella che cade è solo un altro sogno da dimenticare, da lasciare come un secco filo d’erba nei viali ingialliti di un pensiero stanco.


Eugenio Medaglia

Sono sempre stato convinto che commentare una poesia è come sporcarla. La poesia non esprime pensieri, ma sensazioni. Di fronte all'inesprimibile, all'ineffabile, a ciò che Wittgenstein chiamerebbe l'indicibbile, l'unico atteggiamento conseguente è il silenzio. L'arte non si guarda, si ammira. Ci si deve avvicinare ad essa con infantile sentimento di meraviglia, di stupore. Questa poesia ci vuole proprio fare ritornare bambini. " Chilla vita ere cchiù bella".

1

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google