AielloCalabro.Net

Poesia - Juochi bielli

Ccu lu sule o ccu llu friscu,
allu largu e San Franciscu,
jocan tanti quatrarielli,
piccirilli e grandicielli;
su' nna frotta e gridazzari,
cum'e loru un cce su' pari
O de sira o de juornu,
fanu chiassu ntuornu ntuornu..

Fanu tanti juochi bielli:
a scappare cum’ acielli,
all’ ammuccia sutt’u muru,
strittu all’ uocchi u maccaturu.

Io me scialu a lli guardare,
ccu na voglia de penzare
ca quand'ere piccirillu
io jocave allu stirillu
alla palla e' pezza e' lana
ca zumpave cumu a rana;
allu strumbulu, allu rullu
alle stacce ccu llu zullu.

Quandu pue ere maturu
io jocave a battamuru
ccu tri sordi e nna rimella.
Chilla vita ere cchiu bella!
Vita bella de quatraru,
sempre lustra cumu u faru.
Ohi cchi tiempi,e cchi etate,
senza viernu e sempre estate!
Mue ca signu allu tramuntu,
a vecchiaia a cchine a cuntu?


Commento del professore Plastino - Nella lirica si intrecciano due profondi concetti: quello del fluire del tempo e quello del ricordo, senza però stagliarsi e differenziarsi l'uno dall’altro. Il poeta da un’occasione ( il gioco dei fanciulli che ricorda il Sabato del Villaggio di Leopardi), spinge il suo animo alla rimembranza e la veste della mestizia della vita che fu, ma non v’è dolore, soltanto nostalgia di un tempo migliore.
Domenico Medaglia
12/09/2005

AIELLOCALABRO.NET
Fonte: http://www.aiellocalabro.net/expo/aiello-calabro/la-poesia/domenico-medaglia/poesia---juochi-bielli.aspx
Data: domenica 22 settembre 2019 - 18:59:29