AielloCalabro.Net

CreditsPrivacy

3.37

Lunedì

19/08/2019

 
Traduci English Français Español Deutsch Portuguese
 
Sei in /Aiello Calabro/Folklore/San Geniale, conclusi i festeggiamenti

San Geniale, conclusi i festeggiamenti

AIELLO CALABRO – Il legame tra gli Aiellesi e il Patrono, S. Geniale martire riacquista vigore. Dopo anni di fievoli partecipazioni di popolo e di celebrazioni religiose passate sottotono, la tendenza che si registra ora è quella di un ritorno alla tradizione.
In verità, già a partire dallo scorso anno, quando ci fu la ricognizione canonica sulle spoglie del martire voluta da Monsignor Agostino, ed il restauro del pregevolissimo busto reliquiario del ‘700, finanziato dalla famiglia Solferino, la festa del protettore degli Aiellesi – che si perpetua oramai dal 1668 – ha visto un crescente interesse della cittadinanza, cattolica e laica, per questo patrimonio di cultura e di fede della storia locale.
Le solenni celebrazioni di S. Geniale Martire di quest’anno, dedicate al centenario del terremoto del 1905, le cui iniziative avranno culmine nel prossimo settembre, hanno visto la partecipazione, molto attesa, di Mons. Giuseppe Agostino, arcivescovo emerito di Cosenza-Bisignano, che ha presieduto la santa messa delle 11; di don Leonardo Bernardo e del parroco don Ortensio Amendola. Nella bellissima Omelia, Mons. Agostino ha parlato ad una folla di fedeli del martirio di Geniale che, sotto Diocleziano, ha voluto testimoniare, in pieno periodo di avversione alla religione cristiana, la Verità. Una verità che oggi va testimoniata attraverso l’impegno civile, l’osservanza dei valori fondamentali dell’uomo, della giustizia sociale e non già del profitto, della pace; ed attraverso la sacralità della cellula fondamentale della società che è la famiglia, contro il relativismo, come lo ha chiamato il Santo Padre Benedetto XVI, che rappresenta un vero e proprio terremoto morale ed etico.
Come prevedeva il programma, durante l’offertorio, la municipalità rappresentata dal vice sindaco Franco Iacucci (nella foto), ha donato il cero votivo, in segno di rinnovata devozione della cittadina al Santo patrono. Poi, terminata la funzione, a cui hanno partecipato anche la polizia municipale con il Gonfalone del comune e il comandante della locale stazione dei Carabinieri, maresciallo Francesco Vita, è iniziata la processione, partecipata come non mai e salutata dal volo di palloni aerostatici e da fuochi d’artificio. La statua e le sacre Reliquie di Geniale, portate a spalla dai giocatori della locale squadra di calcio, ed accompagnata dalla banda musicale Curcio di Amantea, hanno attraversato tutti i rioni storici, secondo l’antico percorso, lungo il quale tantissime erano le coperte e i damaschi esposte dalle finestre e dai balconi. Significativa ed emozionante la sosta presso la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano, unica Chiesa cittadina risparmiata dal sisma del 1905 che funzionò come Parrocchia per lungo tempo, dove sono stati commemorati nella preghiera gli Aiellesi morti per il terremoto. In quella triste occasione, come il parroco di allora Scipione Solimena ci ha mirabilmente raccontato in una annotazione del Liber mortuorum, tanta fu la paura e la desolazione che solo la fede e la devozione furono da conforto. Allora “San Geniale, salvaci” era l’invocazione sulla bocca di tutti.
Bruno Pino
07/05/2005
 |  Bookmark and Share
 |  Ascolta con webReader

11 commenti.

Per inserire un commento è necessario accedere al sito.

Accedi
Nome utente
Password
 
 
Registrati | Recupera dati

11 commenti.
Il più recentein cima. Inverti ordine di visualizzazione

Credevi davvero che gli aiellesi puri fossero veri? E' stato soltanto lo sbalzo d'umore 'trasgressivo'(a loro idea) di un gruppo(non lo so) di ragazzetti, o persone anche mature, che volevano e credevano di cambiare Aiello con lo sfogo smanioso di un istante di furia di protagonismo buttato giù su una carta i cui contenuti, come dice 876, erano stati pensati da tempo, parola dopo parola.....


MA GLI AIELLESI PURI, CHE FINE HANNO FATTO? PERCHE' NON HANNO MANIFESTATO IL LORO DISAPPUNTO ANCHE PER I FAMOSI 200 EURO PER I FIORI A SAN GENIALE????? PAURA?? Ciao Bruno.


nei commenti dell'altro art su sangeniale un "coraggioso" ci illumina.


Ha a che fare con i fiori?


Sarà che non sono tanto informata ma ciò non include che penso solo al pallone.... chi te lo dice che firmarmi 'Pa...' è il diminutivo di un'affissazione che, meno male, io non ho?!?


quellodiprima

in ogni modo... pure che puoi chiedere alle "petre" e te lo dicono... un suggerimento è nella chiusa della frase di "tiilluminoio"... ciao


senzasperanza

vuol dire che sei poco informato... o parli solo di pallone


sto da mattina a sera ad aiello,piazza e dintorni,e non ho sentito una sola parola...


tiilluminoio

caro anonimo, Aiello ne ha bollito (in dialetto). Basta andare in piazza e qualcuno te lo dice.... se son rose fioriranno


non conosco la storia che dici, eppure sono di aiello! Mi illumineresti per favore?


Sarebbe stato tutto perfetto se pochi spiccioli non avessero rovinato un clima festoso e solidale che si era creato nei giorni precedenti alla domenica. Ma si sa benissimo che ad Aiello anche solo 200 euro mancati possono destare l'ira di colui che li vede sfumare. Viva la democrazia e la libertà!!!

1

Avis 5x1000


AielloCalabro.Net


Add to Google